Introspection and extroversion
Introspezione ed estroversione

Introspection and extroversion

Three weeks have passed since the end of the Fire and Ice Ultra 2017 and eight months since we entered and started training.

For days now I have been trying to consolidate the experience, summarise it in my head and formulate this blogpost. My brain, my heart, even my feet, weren’t ready to collaborate. They are still reticent…

Luckily Sabina gave me a little time and stimulus to understand and jot down some of my deeper thoughts by writing an incredible account of her race: full of emotion, facts, numbers and peculiarities of her, and our, week.

I intimately recognise all the emotions she aptly spells out in her story, but what this voyage has been for me, is way more difficult to put on paper. One of the top world ultratrailers artfully described parts of her latest success as a never ending succession of ridges, each of which was preceded by the thought “let it be the last”. This was exceptionally similar to what we went through in Iceland: be it the rocky ridges at the end of day 2, or the lava fields of day 3 (“just another lava field” said Ed Cooper when we crossed paths…!), or the glow sticks marking the way in the dark at the end of the long stage on day 4. The mixed feelings caused by the sublime torture provided by the course and the terrain, the determination of not letting go (to be honest, there really was nowhere else to go), and the giddy happiness, ultimate satisfaction, heavenly tiredness and extreme sense of belonging at the end of each day are difficult to convey, hard to imagine and, above all, impossible to forget.

So maybe these are the things I need to focus on when searching for the key to the problem!

Sublime torture: that’s, essentially, what it was! Not knowing where we were going, what to expect and when it would end marked every minute of every day on track. Unfailingly, the course – skilfully designed and marked by Dave and the course team – reserved its greatest surprises at the end of each day. When the mind is weaker and troubled with longing for the finish line, when five km seem like 105 and when you cannot stand another bite of those horrible, horrible nutbars. But it all feels so real, so alive – sublime. It brings you back to the essence of things: “one foot after the other, and repeat” said our cousin Simone. You’d expect it to be mind-numbing but it is not. It is the beauty of finding satisfaction in the present, the simplicity of enjoying the step you are taking NOW.  At times, when there was pain, that step would be broken down even further: the part of it that hurt and the part of it that didn’t – now I think I have an understanding of mindfulness and my only thought has become “I am really enjoying THIS ridge, right now”. Eventually pain was such that those parts of a step would become one single thing again: just pain – that’s when the hand went out at the water stations and gorgeous medics handed you 1 gram of paracetamol!

Determination of not letting go: no way! Again, it was a mind game. I had no real reason for letting go, ever: my physical discomfort was bearable, everything was working kind of OK, I was sort of eating what I had to eat, and almost sleeping (or maybe I should call it resting) enough. Still, at times, the mind tried to interfere with the body. In our training, Sabina and I went to a “resilience course” held by Pietro Trabucchi, a sports psychologist. Very simply put, he described the functioning of our brains following a classical model of vertebrate brain evolution whereby the forebrain comprises three structures with different “functions”. The deeper, least evolved, reptilian brain in charge of fight-or-flight responses  expressing primary instincts (food, sex, competition etc..), the median limbic system carrying emotion and the outer, most evolved, neocortex responsible for advanced skills such as abstraction, planning and perception. These three guys interact with each other so that the neocortex can, for example, surpass the “reptile’s” NEED to sit on the couch watching TV all day to conserve energy. During the six days in Iceland, the reptile made its appearance a couple of times – he was rather weak in his insistence to stop but he was nevertheless vigilant and at times annoying. I am so glad I ignored him!

Giddy happiness, ultimate satisfaction, heavenly tiredness: this is what the end of each day felt like! Translated: “thank God it’s over”, “Oh My God I made it” and “holy cow, everything hurts – I’m never going to be able to walk again”. The notion of this is what then made you push through the next day – even day 5 (the day after the long stage), when the machine was apparently running on an empty tank. In that case chatting to Tania Hodgkinson all day was also a life saviour!

Extreme sense of belonging: people, it is ALWAYS ABOUT THE PEOPLE. This I knew before that start line: during the months of training preceding it, I met truly incredible people who have filled my life with all things wonderful and new. In Iceland, we (Sabina, Corso and I) were always among the last ones to come in, but we were NEVER alone. Every day’s arrival was like walking into a warm house at the end of a stormy day to find all your family sitting around the fire, happy to see you. It warmed the heart and the body. There are no other words to describe it: it’s funny how the most important thing elicits the least words.

The connections made in that week in Iceland are indelible and will last forever. The fact that there were only few of us (67 starters, I think) made the whole adventure so up close and personal, so intimate, so special. We had – all of us, runners, walkers, organisers and volunteers alike – rather compelling reasons to be grumpy, but nobody was. Incredibly, happiness and laughter dominated camp every evening and every morning, even when you had to crawl out of your sleeping bag to be greeted by wet, freezing cold clothes or the adorable porter potties that followed us around the highlands.

It makes me reflect upon how the whole experience was a metaphor for life: it’s characterised by ups and downs, some times the ups and the downs are extreme and there is no way, ever, of seeing beyond that ridge. But it all boils down to two things: your attitude and the people around you. This week has been one of great teachings for me: through extreme introspection and elating extroversion, I learned a great number of things. I am not sure I am ready to share all of them but two take the lion’s share.

The first I can describe by paraphrasing Dean Leslie in the Salomon TV running video “Trail Dog” (Trail Dog – Salomon Running TV Season 05 Episode 02):

“Happiness is so much simpler than you might think.

Real happiness is uncomplicated by the rush of life,

how much money you have or don’t have,

what you have or haven’t accomplished,

and is beyond what you feel good or guilty about.

It’s all about our relationships: with the Earth, nature and each other…”

And the second is that we are alone. This learning may seem in contradiction of what I have said thus far, but it is not really. And, also, it is by no means, a pessimistic view of life. It is simply that: for better or worse we are alone. Whatever we are doing or going through, we may have all the support we require, but what we need in order to come out the other end is all within: our own strength, our own mind, our own body, our own happiness, our own grief. Knowing this can’t be but a source of strength: the strength we need to be happy and empathetic with others, simply because we have managed to be happy and empathetic with ourselves. My thoughts are still coarse and sketchy at this point, but this is the essence and it is very empowering.

I am SUPER grateful to the Fire&Ice Ultra 2017 and, more importantly, to all the people that shared it with me for allowing me to live this journey to the fullest and for teaching me so much about myself and the world around.

MY THANK YOUS…

Thank you Sabina and Corso for letting me into your “Cipi-Topo/Fagio” world and this adventure

Thank you to all the DONORS who believed in us and generously supported our quest: you managed to raise more than 25000 euros for DynamoCamp kids: you are absolute freakin’ STARS!!

Thank you Riccardo Marini – TotalTraining for guiding me towards the finish line with so much energy

Thank you Alessandro DiGiovanni: thank you my friend for being so incredibly professional, for your energy and for all those laughs!

Thank you Donata Piangerelli for believing in me and for teaching me to move my arms when I run!

Thank you Michele Evangelisti for the tips, trix, stories and laughs, and to you and Camilla for just being you!

Thank you to my friends – Pi, Giò, Fra, Dee and all others – for supporting me in different ways through this journey: a “walk” and a bed…

Thank you Pietro Trabucchi for teaching us to negotiate with that “Reptile”

Thank you Dr Pino Pierucci for sorting out my nutrition at the last second of the last minute, but just in time!

Thank you Davide Ugolini for awesome polenta, cous cous and mashed potato

Thank you Dynamo Camp for a million reasons and many more smiles

Thank you La Sportiva and RedaRewoolution for generously keeping us warm and dry

Thank you to our TRIBE, for being patient and enthusiastic, for every kiss and hug, and because we love each other

Thank you Dave and ALL his team: staff, volunteers, medics, photographers and all!

Thank you  to all the Fire&Icers 2017 – ALL of you!

Thank you ALL,

Bee

 

Introspezione ed estroversione

Son passate tre settimane dalla fine della Fire & Ice Ultra 2017 e nove mesi da quando ci siamo iscritti ed abbiamo cominciato ad “allenarci”.

Da giorni cerco di consolidare l’esperienza, riassumerla nella mia testa e formulare la sequenza di parole per questo post. Il mio cervello, il mio cuore, persino i miei piedi, non erano pronti a collaborare. Sono ancora reticenti…

Per fortuna Sabina, con il suo incredibile racconto della sua e nostra gara – pieno di emozioni, fatti, numeri e peculiarità – mi ha regalato un po’ di tempo e stimolo affinché io potessi capire e mettere su carta alcuni dei miei pensieri più profondi

Riconosco intimamente tutte le emozioni che Sabina descrive nella sua storia, ma quel che è stato questo viaggio per me, è molto più difficile da mettere nero su bianco. Una nota ultratrailer, narrando il suo più recente successo, ne dipinge alcuni tratti come una successione infinita di creste, ognuna preceduta da un pensiero costante “fa che sia l’ultima”. Questo è straordinariamente simile a quel che abbiamo vissuto noi in Islanda, che fossero le creste rocciose alla fine del secondo giorno, le distese di lava del terzo giorno (“solo un altro campo di lava” disse Ed Cooper quando lo incontrammo…!), o  i lightstick che segnavano la via al buio alla fine “della lunga” il quarto giorno. Le emozioni contrastanti causate dalla sublime tortura che si accompagnava al percorso e al fondo “accidentato”, dalla determinazione a non arrendersi (francamente non c’era dove altro andare…), e dalla vertiginosa felicità, estrema soddisfazione, paradisiaca stanchezza ed estremo senso di appartenenza che provavo alla fine di ogni giornata sono difficili da trasmettere, dure da immaginare e, soprattutto, impossibili da dimenticare.

Magari son proprio queste le cose sulle quali mi devo concentrare nel cercare il bandolo di questa matassa!

Sublime tortura: in essenza questa è stata l’Islanda, per me. Il non sapere dove stavamo andando, cosa aspettarci e quando sarebbe finito ha segnato ogni singolo minuto dei nostri giorni. Infallibilmente, il percorso – abilmente ideato e balisato da Dave e il suo team – teneva le sue più grandi sorprese in serbo per fine giornata. Quando la mente è debole e turbata dalla brama di finire, quando 5km sembrano 105 e quando non puoi più sopportare nemmeno una briciola di quelle orribilissime barrette. Al contempo, però, tutto è così reale, così vivo – sublime. Ti porta a strettissimo contatto con l’essenza delle cose: “un piede davanti all’altro e ripetere” ci disse nostro cugino Simone. Potrebbe sembrare monotono, ma non lo è. Al contrario è la bellezza di trovare soddisfazione nel presente, la semplicità legata al provare piacere nel passo che stai facendo ADESSO. A volte, quando c’è dolore, quel passo può essere scomposto ancora: la parte che fa male e la parte che non fa male – ora credo davvero di capire il significato di consapevolezza ed il mio unico pensiero è divenuto “sto davvero amando QUESTA cresta, in questo momento”. Poi, il dolore diventa tale da ricomporre quel passo in una cosa unica: male, e basta! Ed era allora che alle soste per l’acqua usciva la manina implorante ed i fantastici dottori ti passavano un grammo di paracetamolo!

Determinazione a non arrendersi: ma nemmeno per sogno! Era un gioco della mente. Non avevo vere ragioni per mollare: il mio sconforto fisico è sempre stato più on meno tollerabile, tutto funzionava più o meno bene, mangiavo più o meno quel che dovevo mangiare, e dormivo (beh, forse si è trattato di riposare, piuttosto) più on meno abbastanza. Tuttavia, a volte, la mente cercava di interferire con il corpo. Durante il nostro “allenamento”, Sabina ed io siamo andate ad un “corso di resilienza” tenuto da Pietro Trabucchi, psicologo dello sport. In parole (molto) povere lui ci ha descritto il funzionamento dei nostri cervelli seguendo un classico modello evolutivo secondo cui il cervello dei vertebrati è costituito da tre strutture con diverse funzioni. Il più profondo e primitivo “cervello rettiliano” responsabile per le reazioni di attacco o fuga che esprimono i nostri istinti primari (cibo, sesso, competizione etc…), il sistema limbico legato all’emotività ed il neocrotex, la parte più evoluta, responsabile per capacità prettamente umane come l’astrazione, la pianificazione e la percezione. Questi tre tipi loschi interagiscono tra loro così che, per esempio, il neocrotex riesce a soverchiare il BISOGNO del rettile di sedersi sul divano e guardare la tele per conservare energia. Durante i sei giorni in Islanda, il rettile è apparso una manciata di volte – era abbastanza debole nell’insistere che io mi fermassi ma era comunque vigile e a volte fastidioso. Sono così felice di averlo ignorato!

Vertiginosa felicità, estrema soddisfazione, paradisiaca stanchezza: queste le mie emozioni alla fine di ogni giornata. Tradotte: “Grazie al cielo è finita”, “Oh mio dio ce l’ho fatta”, e “satamm**chia, fa male tutto – non riuscirò mai più a camminare”. La nozione di queste emozioni contrastanti era quel che mi faceva arrivare alla fine di ogni giornata – persino il quinto giorno (il giorno dopo “la lunga”), quando il motore apparentemente girava nonostante il serbatoio fosse vuoto. In quel caso chiacchierare con Tania Hodgkinson tutto il giorno è stato un salvavita!

Estremo senso di appartenenza: le persone, sono sempre le persone che fanno la differenza! Questo lo sapevo già prima della partenza: durante i mesi di preparazione ho conosciuto persone davvero incredibili che hanno riempito la mia vita di nuove cose. In Islanda, eravamo (Sabina, Corso ed io) sempre tra gli ultimi ad arrivare, ma non siamo MAI stati lasciati soli. Ad ogni arrivo era come entrare in una casa calda alla fine di una giornata tempestosa e trovare tutta la tua famiglia seduta attorno al focolare ad aspettarti, felice di vederti. Sono sensazioni che riscaldano il cuore ed il corpo.

I legami che si sono creati in quella settimana in Islanda sono indelebili e dureranno per sempre. Il fatto che fossimo così pochi (67, credo) ha reso tutta l’avventura stretta, intima, speciale. A momenti, avevamo – tutti, corridori, camminatori, volontari e staff allo stesso modo – ragioni abbastanza persuasive per essere scontrosi, ma nessuno lo era, mai. Incredibilmente, sorrisi e risate dominavano il campo ogni sera ed ogni mattina, anche quando uscivi dal sacco a pelo per esser accolto da vestiti bagnati e ghiacciati o dagli adorabili “cessi” (non c’è altra parola adatta) che ci hanno seguiti attraverso le highlands islandesi per sei giorni.

Rifletto su come l’intera esperienza sia una metafora della vita: caratterizzata da alti e bassi; a volte gli alti ed i bassi sono estremi, e non c’è mai modo di vedere cosa c’è oltre quella cima. Ma tutto si riduce a due cose importanti: il tuo atteggiamento e le persone che ti circondano. Questa settimana è stata una settimana di grandi insegnamenti per me: attraverso momenti di intensa introspezione ed esaltante estroversione, ho imparato tante cose. Non sono sicura di esser pronta a condividerle tutte ma due si prendono la fetta più grossa della torta.

La prima la posso descrivere parafrasando Dean Leslie nel video di Salomon TV running “Trail Dog” (Trail Dog – Salomon Running TV Season 05 Episode 02):

” La felicità è così più semplice di quanto pensi.

La vera felicità non è complicata dal trambusto della vita,

Da quanti soldi hai o non hai,

Da quello che hai o non hai ottenuto,

E va oltre quello di cui ti senti o non ti senti colpevole.

Ha tutto a che fare con le relazioni che intrattieni: con la Terra, con la natura, l’uno con l’altro…”

La seconda è che siamo soli. Questo sapere può sembrare in contraddizione con quel che ho scritto finora, ma in realtà non lo è. E non rappresenta nemmeno una visione pessimistica della vita. E’ semplicemente quello che è: nel bene e nel male, siamo soli. Qualsiasi cosa stiamo facendo o attraversando, possiamo avere tutto il supporto che desideriamo, ma quel che ci serve per uscire dall’altra parte è dentro di noi: le nostre forze, la nostra mente, il nostro corpo, la nostra felicità, il nostro dolore. Essere consapevoli di questa cosa non può che portarci forza: la forza di cui abbiamo bisogno per essere felice ed empatici con gli altri, semplicemente perché siamo riusciti ad esserlo con noi stessi. Il miei pensieri sono ancora grezzi e abbozzati, ma questo è il succo.

Sono SUPER grata a Fire&Ice Ultra 2017 e , soprattutto, a tutte le persone con cui l’ho condivisa, per avermi consentito di vivere questo viaggio al massimo e per avermi insegnato così tanto su me stessa ed il mondo che mi circonda.

I MIEI GRAZIE

Grazie Sabina and Corso per avermi accolta nel mondo di “Cipi-Topo/Fagio” e per quest’avventura

Grazie a tutti i donatori che hanno creduto in noi e che hanno generosamente sostenuto il nostro obiettivo: siete riusciti a contribuire più di 25000 euro ai bambini di DynamoCamp: siete delle STAR assolute!!

Grazie Riccardo Marini – TotalTraining per avermi guidata verso il traguardo con tanta energia

Grazie Alessandro DiGiovanni: amico mio grazie per la tua incredibile professionalità, la tua energia e per tutte quelle risate!

Grazie Donata Piangerelli per il tuo supporto psico-fisico e per avermi insegnato a muovere le braccia mentre corro!

Grazie Michele Evangelisti per i tuoi consigli, trucchi, storie e risate, e a te e Camilla per essere semplicemente voi!

Grazie ai miei amici – Pi, Giò, Fra, Dee e tutti gli altri – per avermi supportata e sopportata in mille modi durante questo viaggio: una “passeggiata” e un letto…

Grazie Pietro Trabucchi per averci insegnato a negoziare con il “Rettile”

Grazie Dr Pino Pierucci per aver riordinato la mia nutrizione: anche se all’ultimo minuto dell’ultima ora, è stato giusto in tempo! E anche per l’incitamento costante.

Grazie Davide Ugolini per quel fantastico cous cous!

Grazie Dynamo Camp per un milione di ragioni e altrettanti sorrisi

Grazie La SportivaRedaRewoolution per averci generosamente tenuti al caldo e all’asciutto

Grazie alla nostra TRIBU’, per essere stati pazienti ed entusiastici, per ogni bacio e perché ci vogliamo bene

Grazie a Dave e il suo team: staff, volontari, medici, fotografi!

Grazie a tutti i Fire&Icers 2017 – tutti!

Grazie A TUTTI!

Bee

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *