The accidental trailers
Trailer per caso

The accidental trailers

When your goal is bumbling 250km in six stages of 4x40km, 1x70km and 1x20km, you periodically freak out. No matter how you turn it, or yourself, around, the 70km stage always seems totally unachievable. How on earth does one train for something like this? It’s daunting  when you run regularly, I cannot even imagine the feelings rumbling in the tummy and heart of a non-runner – my other Bumble Bees, Sabina and Corso, are among the latter!

The first thing you do is to look for a trainer – at least that’s what I did. Luckily I found my Virgil very early on. He is Riccardo Marini (see the Team blog post for more) of The Total Training: top of the pops in terms of experience and guidance, but also mad enough to actually enjoy the idea of following me/us on this journey – or maybe he’s just curious to see if I actually get to the end! My other lead on the way to Iceland is Alessandro Di Giovanni – funnily enough a friend of Riccardo’s – whose mission impossible is to get me into shape at the gym. When all else fails, his last resort is to make me laugh in the hope that at least that will give my abs a work-out!

Most of my running is a lonely affair: having only recently moved to Rome I don’t have any run buddies, besides, apparently I need to get used to being on my own for long hours! I have been known to go all the way to Turin for a group run with Michele Evangelisti and his North Face Itrainfor bunch!! Week runs are usually no longer than 10-15 km with or without my new best friend, Jack-the-Rucksack, mostly up and down hills, on or off-road. Then comes the weekend: long runs, generally back-to-back and mostly alone. Lately I have started alternating running and walking to get the distance in. Being alone and not knowing many trails, my standard weekend runs end up being in one of two places depending on what my needs are. If in Rome, beautiful Villa Doria Pamphili sees me going round and round like a hamster, while if I need to do some mountain running, I usually head across to Mount Conero (Ancona) and run up and down that mountain to my heart’s content.

The best thing though is races: I, obviously, do not enter with any kind of aspiration other than a second to last place, but it is super not to have to worry about getting lost, AND I get to talk to people!!! Better still, sometimes I am joined by my other Bumble Bees or old running mates. That really is fun and I have been to some incredibly beautiful places which have made me appreciate my country more than ever! The first race I did, aptly called “The Ecotrail of Hope” (“Ecotrail della Speranza“), was back in December 2016 in beautiful Civitella del Tronto (Ascoli Piceno). It was 17 km (700D+)1 and it seemed like a never ending adventure with steep hills, water-crossings, oh yes, and a heap of chatting. The oncoming shadow of “mutandò” (Mr Longjohns in the picture) at the rear of the pack and the terrifying prospect of him overtaking me, kept me going all the way!

This was followed by an exhilarating Dolomiti Winter Trail flawlessly organised by Fabio Cavallari and  Total Training in March in the snow: our first race as a team, the Fire & Ice Bumble Bees, and one of the best experiences ever crampons included! Soooo much fun and sooooo tiring! The night before we even got to stand up in front of a heap of people to explain our DynamoCamp quest!

A change of scenery took Sabina and myself to Pitigliano were we did the V Trail delle Vie Cave (15km, 400D+), with our friend Giovanna and the real accidental trailer, Nicola, who did it all in jeans and the daily newspaper hanging from his back pocket. Oh wow! The beauty of these ancient Etruscan ways was totally unexpected and had us wandering around fairy land for a couple of hours. Last but not least the most recent Trail del Mugello with its 23 km (1480D+). I did it with Donata Piangerelli and my old running buddies from Ancona; mad-hat Riccardo, with his advice and his shatterproof optimism, was there too. It was an incredible mixture of everything: fun, struggle, river crossings and mud, sausages which were not supposed to be, amazing and beautiful people, impeccable organization and the heartstopping beauty of the wilderness between Tuscany and Emilia Romagna.

In between I assisted young BumbleBee Corso in his gruelling achievement of running the Tuscany Crossing in Val D’Orcia. On this occasion, I had to stop at 20km, but the brave boy carried on and on and before he knew it, 8 or so hours later, he’d covered 54km! Hurraaaah for Corso! So this is what we’ve been up to! In between races, I’ve managed to clock first 30 km then 50km on the Queen of Roads, the Appia Antica; Sabina and I swiftly bumbled over 35km on Mount Conero; and Corso? Corso runs from place to place keeping morale high and making us wish we were still 25!

All along we have met and been helped by fantastic people, incredibly generous in sharing their wisdom and encouraging an unlikely threesome of accidental trailers; we’ve seen, felt, smelled and touched a wilderness I did not think existed; and have thoroughly enjoyed those post-run beers!

I’m now on a week’s break for work reasons, but our next stops are the Cortina-Dobbiaco race (30km) for me and Sabina has a trail running weekend workshop with a bunch of trailer nutters in the Dolomites. The upcoming milestones for the three of us together are the DynamoTeamChallenge trail runs next weekend where we will be running and volunteering at DynamoCamp. Then, in mid-June, when we will be crossing Italy from Florence to Bologna on the Via degli Dei (130km in 3 days) on our first simulation run/walk!

If you want to help us make a difference: DONATE to DynamoCamp!

1 as with anything, when we first approached this crazy world we were confronted with the lingo: D+ simply indicates positive difference in altitude

 

Trailer per caso

Quando il tuo scopo è incespicare per 250km in 6 tappe di 4x40km, 1x70km and 1x20km, la mente razionale – e anche quella più recondita – periodicamente impazzisce. Non importa come la giri, o come ti giri tu: “il tappone” da 70km sembra sempre completamente infattibile.

Come si fa ad allenarsi per una cosa del genere? Fa paura quando corri regolarmente, non posso nemmeno immaginare i sentimenti che passano per la pancia ed il cuore di uno che non ha mai corso – gli altri due Bumble Bees, Sabina e Corso, fan sicuramente parte del secondo gruppo – chapeau!

La prima cosa da fare è trovarsi un coach – almeno questo è quel che ho fatto io. Fortunatamente il mio Virgilio l’ho trovato ben all’inizio della selva oscura. Lui è Riccardo Marini (vedi il blog post the Team per saperne di più) di the Total Training: top dei top in termini di esperienza e come maestro, ma anche matto abbastanza da divertirsi nel seguirmi/ci in questo viaggio – oppure è solo curioso di vedere se effettivamente porto il tutto a termine! La mia altra guida verso l’Islanda è Alessandro Di Giovanni – amico di Riccardo per affinità “folli” e non solo – grande professionista che sta cercando in tutti i modi di rendere il mio fisico all’altezza del problema e quando tutto il resto fallisce mi fa ridere, nella speranza che almeno quello aiuti a consolidare i miei addominali (ed il mio spirito)!

La maggior parte della mie ore di corsa sono un affare solitario: essendomi trasferita  a Roma da poco mi mancano i miei compagnucci anconetani di corsa e poi, apparentemente, devo abituarmi a passare lunghe ore da sola. Ci sto riuscendo ma è difficile, molto: sono arrivata fino a Torino una sera per fare un allenamento di gruppo con Michele Evangelisti ed il suoi ragazzi di North Face Itrainfor! I miei allenamenti infrasettimanali non sono mai più lunghi di 10-15km al giorno, con o senza il mio nuovo migliore amico zaino, Jack-the-Rucksack , su e giù per i colli, su asfalto o fuori. Poi viene il weekend: lunghi, generalmente più giorni di fila e da sola. Ultimamente ho cominciato ad alternare corsa e camminata per aumentare le distanze. Essendo sola e non conoscendo molti sentieri, i miei allenamenti standard del weekend finiscono per essere sempre in uno di due posti. Quando sono a Roma, è Villa Doria Pamphili che mi vede girare come un criceto, mentre se ho bisogno di dislivello, generalmente mi dirigo verso il Monte Conero (Ancona) dove corro su e giù fino ad esaurimento!

La cosa più bella però, sono le gare: io, ovviamente, non ho aspirazioni se non il penultimo posto in classifica, ma è fantastico non doversi preoccupare del percorso e, soprattutto, poter parlare e passare del tempo in compagnia! Meglio ancora, a volte sono anche assieme ai miei compari Bumble Bees oppure ai compagnucci di Ancona: unito alla bellezza dei luoghi, allora davvero diventa divertimento puro.

La prima gara di trail, con il calzante nome “Ecotrail della Speranza“, è stata in Dicembre 2016 nella bellissima Civitella del Tronto (Ascoli Piceno). Erano 17 km (700D+)1 che sono sembrati un’avventura infinita con colline ripide, guadi e un sacco di chiacchiere. L’ombra incombente di “mutandò” ed la terrificante possibilità che mi superasse sono stati i veri incentivi a tener duro! A seguire, l’esilarante Dolomiti Winter Trail, perfettamente organizzata da Fabio Cavallari e Total Training a marzo nella neve: la nostra prima gara come squadra, Fire & Ice Bumble Bees, ed un esperienza unica, ramponi inclusi!

Un cambio di paesaggio ci ha portate, a Sabina e me, al V Trail delle Vie Cave (15km, 400D+) da Pitigliano, con Giovanna e Nicola, quest’ultimo il vero trailer per caso che ha fatto tutta la gara in jeans con il Corriere della Sera nella tasca posteriore. Wow! La bellezza di queste antiche vie etrusche è stata totalmente inaspettata e ci ha visti girare per il mondo delle fate per un paio d’ore. Ultimo ma non ultimo, il Trail del Mugello con i suoi 23km (1480D+). L’ho fatto con Donata Piangerelli ed i miei compagnucci di corsa della Stamura di Ancona; c’era anche il cappellaio matto Riccardo con i suoi consigli ed il suo infrangibile ottimismo. Un mix incredibile di tutto: divertimento e fatica, fango e guadi, salsicce clandestine, persone super simpatiche, un’organizzazione impeccabile, e la bellezza straziante del selvaggio appennino tosco-emiliano.

Nel frattempo ho anche assistito BumbleBee Corso nella sua ardua conquista della Tuscany Crossing in Val d’Orcia. In questa occasione io mi sono dovuta fermare dopo 20 km, ma il coraggioso Corso ha continuato e poco più di  8 ore dopo aveva fatto 54km! Evvviva Corso!

Ecco. Questo è quel che abbiam fatto negli ultimi tempi. Tra una gara e un’altra io sono riuscita a fare prima 30 km poi 50km sulla Regina di tutte le vie, La Appia Antica; Sabina ed io abbiamo agilmente incespicato 35 km sul Conero; e Corso? Corso corre ovunque, tiene il morale alto e ci fa anelare i nostri 25 anni!

Nel nostro tragitto abbiamo conosciuto e siamo stati aiutati da persone fantastiche, incredibilmente generose nella condivisione della loro saggezza ed incoraggiamento per un improbabile trio di trailer per caso; abbiamo visto, sentito, annusato e toccato delle lande selvagge che non sospettavamo nemmeno esistessero; e ci siamo davvero gustati a fondo quelle birre post-corsa!

Io ora sono in una settimana di pausa, ma le nostre prossime tappe sono la Cortina-Dobbiaco (30km) per me, e Sabina farà un weekend di trail running con un gruppo di matti nelle Dolomiti. I nostri traguardi come Fire & Ice Bumble Bees invece ci vedono insieme a Dynamo Camp il prossimo weekend per il Dynamo Team Challenge tra corsa e volontariato e poi, a metà giugno, attraverseremo l’Italia da Firenze a Bologna sulla Via degli Dei (130 km in 3 giorni).

Se vuoi aiutarci a fare la differenza: DONA a DynamoCamp!

1 come in tutto, al primo approccio a questo folle mondo ci siamo trovati a decifrare un gergo ignoto: D+ semplicemente quantifica i metri di dislivello positivo.

One thought on “The accidental trailers
Trailer per caso

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *